Acqua e Caustiche con Cinema 4D e Vray

15 commenti:
 
acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray

L’acqua di una piscina è tra i materiali più complessi da riprodurre con Vray, specialmente perché una volta impostati correttamente quei due o tre parametri generali, il realismo e l'efficacia del risultato finale dipende da altri fattori esterni come la credibilità dell’increspatura della superficie, la presenza di un fondale che abbia una geometria ideale per evidenziare i cambi di profondità, un’inquadratura che permetta all’acqua di riflettere l’ambiente circostante in modo gradevole e infine la presenza di quei particolari effetti di concentrazione di luce detti “caustiche”.

L’obiettivo di questo tutorial è guidarvi nella creazione di un materiale Vray “acqua” realistico e capace di sorprendere il nostro pubblico per il fascino dell’effetto finale.



Increspatura dell’acqua

Secondo il mio punto di vista il modo migliore per creare un effetto soddisfacente è avere un piano con un’increspatura tridimensionale, quindi - quando posso - evito Bump o Displacement e preferisco usare una superficie 3D a cui associo un deformatore Spostare (Displacer), che permette di deformare quella superficie utilizzando uno qualsiasi degli shader di Cinema 4D, tra cui ne esiste uno pensato appositamente per imitare il rilievo superficiale di uno specchio d’acqua, chiamato appunto “Acqua” e che si trova nella categoria “Superfici”.

Il Displacement creerebbe un effetto tridimensionale analogo, ma sarebbe necessario fare diversi test per verificarne l’evoluzione nel risultato finale (che viene mostrato solo nel render) ognuno con tempi di calcolo piuttosto impegnativi. Il Bump, seppur spinto alla sua massima potenza, non riuscirebbe a raggiungere risultati paragonabili a quelli raggiunti dal Displacement o del metodo tridimensionale.


Una volta creato il piano lo posiziono in modo da coprire la totalità della piscina, lo abbasso di qualche centimetro rispetto al bordo della piscina e lo ingrandisco in modo che il perimetro del piano penetri leggermente nelle pareti interne laterali della piscina.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Creo il deformatore Spostare e lo inserisco all’interno del piano.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Le opzioni essenziali del deformatore da modificare per raggiungere l’obiettivo sono:

Shader: nel pannello Ombreggiatura; è in questo slot che va inserito lo shader Acqua (cliccando sul triangolino accanto alla parola Shader e poi su Superfici » Acqua) e nello screenshot potete vedere i parametri che ho impostato per il test di partenza;

Altezza: nel pannello Oggetto; serve a stabilire l’altezza delle onde che increspano la superficie, da scegliere in base alle esigenze ma che consiglio di tenere a valori molto bassi, tra i 2 e i 5 cm, altrimenti il realismo finale subirebbe un crollo.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray
acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Per avere un increspatura con un livello di dettaglio sufficiente vanno aumentate le suddivisioni del piano. Il numero ideale varia in base alle sue dimensioni e alla sua forma (e - vedrete tra poco - anche in base al risultato finale che si desidera ottenere), non esiste quindi un valore universale. In questo esempio io ho usato 500 suddivisioni, sia in Larghezza che in Altezza.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray



Parametri generali del materiale Vray ACQUA

Le caratteristiche da replicare nel caso dell’acqua, e più in generale dei liquidi, sono sostanzialmente 2: riflessione e rifrazione. Dopo aver creato un VrayAdvancedMaterial di partenza, disattivo il Diffuse Layer (per avere completa trasparenza) e attivo lo Specular Layer 1 e il Refraction Layer.


Come impostare lo Specular Layer

Per creare una riflessione realistica e convincente, ho disattivato Use Fresnel (non amo usare il Fresnel IOR di Vray, se volete sapere il perché leggete questo tutorial), attivato l’opzione Invert e caricato nel campo Texture map (quello evidenziato nello screenshot) un Fresnel di Cinema 4D, al cui interno ho selezionato per la riflessione massima (nodo di sinistra del gradiente del Fresnel) un grigio molto chiaro (V=75%) e per la riflessione minima (nodo di destra del gradiente del Fresnel) un grigio molto scuro (V=5%).

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Come impostare il Refraction Layer

La "rifrazione" è la deformazione ottica causata della variazione di velocità che un raggio di luce subisce quando attraversa un materiale trasparente, visibile attraverso oggetti di vetro o masse d’acqua. Ogni materiale trasparente ha un effetto diverso sulla velocità del raggio di luce, e l'effetto può essere tradotto in un coefficiente che se inserito nel campo IOR (Index of Refraction) del Refraction Layer permette a Vray di replicare molto fedelmente la rifrazione che quel materiale avrebbe nella realtà. L’IOR dell’acqua è 1,333.

Per il colore, specie quando si tratta di un liquido che riempie un recipiente con profondità non uniforme come nel caso di questa piscina, non è consigliabile usare il Refraction Color, che dipingerebbe in modo omogeneo il liquido senza tenere conto della variazione di massa. Consiglio invece di tenere il Refraction Color sul valore di default (bianco) e usare il gruppo di parametri Volume Fog Parameters.

Attivando Enable Volume l’acqua assumerà un colore più denso in base alla profondità della piscina. Volume Color è l'opzione che uso per scegliere la tonalità dell’acqua. Scelgo sempre colori molti alti, quasi tendenti al bianco, perché altrimenti l’effetto risulterebbe troppo carico.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Caustiche

Le "caustiche" sono forme geometriche organiche composte da una concentrazione di luce. Sono visibili quando i raggi di una sorgente luminosa attraversano una massa di materiale trasparente con densità non uniforme.
  acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Per iniziare a visualizzarle sul fondo della piscina sarà sufficiente attivarle dai settaggi di render generali di VrayBridge.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray

Nel pannello Caustics ci sono tutte le opzioni con cui governare l’aspetto di queste concentrazioni luminose nel risultato finale. Quelle cruciali sono:

Multiplier: determina la luminosità delle concentrazioni;
Max Photons: permette di ammorbidire o rendere più contrastato il disegno delle forme.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Una variabile che gioca un ruolo fondamentale nel disegno delle caustiche è la suddivisione del piano increspato dal deformatore Spostare. Diminuendo le sue suddivisioni, il piano non riesce ad assecondare i dettagli dello shader quindi disegna le onde in modo più schematico, morbido, e le forme sul fondale diventano più semplici.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Varianti

Attraverso Distance Bias (un’opzione modificabile dal Refraction Layer del materiale Acqua) sarà possibile scegliere il grado di densità del colore del liquido. Anche per questa opzione non esiste un valore universale, dovrà essere definito di volta in volta in base all’obiettivo.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Il colore del liquido (Volume color) influisce molto sul risultato finale. Non è facile trovare la tonalità giusta, ma per fortuna l’attivazione delle caustiche non influisce in modo tragico sui tempi di render, permettendo quindi di completare diversi test senza perdere troppo tempo. Nei casi illustrati di seguito il fondo della piscina è bianco, in altri casi il fondo potrebbe essere azzurro o di un altro colore, o avere una texture di mosaico, e quindi la ricerca del colore giusto (che sarà la somma del colore del liquido e del colore del fondo) potrebbe richiedere un impegno maggiore.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


In queste varianti il fondale è una Landa rovesciata a cui ho applicato delle texture raffiguranti pietra e sabbia, nella parte più profonda.

acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray acqua e caustiche con Cinema 4D e Vray


Da questo link potete scaricare il file di progetto (comprese le texture) con cui ho prodotto la copertina di questo tutorial:

acqua_caustiche_c4d-vray.zip


Se il tema vi affascina, provate a giocare con questa demo di Evan Wallace:
http://madebyevan.com/webgl-water/



Altri tutorial che potrebbero interessarti:

Rendering wireframe con Cinema 4D e Vray
Tessuti fantastici e come crearli
Creare un'erba realistica con VRAYFUR
Fasci di luce visibili e polvere con Cinema 4D e Vray
Sporco sui metalli con l'Occlusione Ambientale





15 commenti:

  1. Angelo ciao! Tutorial esaustivo ma è utilizzabile correttamente se si lavora in DR? Vedo che usi sempre shader nativi di Cinema 4D e non quelli nuovi di V-ray, come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo gli shader di Cinema più performanti e semplici da usare, ma non uso il DR. In questo caso in alternativa allo shader Acqua puoi usare il NoiseMax che ti conduce più o meno allo stesso effetto riguardo all'increspatura del piano. Riguardo alla riflessione, il Fresnel di Cinema non mi risulta sia compatibile con l'uso del DR, ma puoi sempre gestire la riflessione con il metodo di default (Fresnel IOR).

      Elimina
  2. Ciao Angelo complimenti per il e i tutorial fantastici. Mi chiedevo se fosse possibile generare caustiche con una luce che non fosse quella solare. Ho fatto tentativi per un interno cercando una riflessione di una bottiglia senza risultato. Hai per caso da darmi qualche consiglio?

    RispondiElimina
  3. Ciao Angelo, ottimo tutorial come al solito!
    Ho provato a rifare il primo render (quello con le scale che scendono nell'acqua) ma ho un problema con le caustiche: quando vado a renderizzare queste mi appaiono solo in un'area circoscritta della superficie colpita dalla luce. Questa zona cambia di posizione variando la posizione della sorgente luminosa ma non riesco mai ad allargarla per prendere tutta la parte di fondale colpita dalla luce.
    Ho provato anche ad alzare e abbassare il sole ma sempre con lo stesso risultato... qualche consiglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per allargare la zona interessata dall'effetto delle caustiche devi aumentare Photon emit radius dal suo valore di default (127 cm) a valori più alti. Nelle opzioni del Tag VrayLight, nella scheda Sun light, subito dopo Filter color.

      Elimina
  4. Ciao Angelo! Grande tutorial come sempre! Ti volevo solo chiedere quali erano le impostazioni di luce che hai usato (infinite light / Sun light) e i parametri base di render non mostrati nel tutorial! Grazie a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi vedere tutte le impostazioni di render e luci aprendo il file scaricabile alla fine del tutorial.

      Elimina
  5. Molto utile!! grazie infinite una volta più... sei grande

    RispondiElimina
  6. Ciao, ottimo tutorial, come mai attivi il volume se l'acqua è un piano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attivo il volume perché, pur essendo un piano, l'effetto del volume nell'acqua è visibile (come si vede dalle illustrazioni del tutorial) se sotto al piano c'è un modello 3D che crea un volume definito e chiuso. In questo caso non è necessario che l'acqua sia un solido.

      Elimina
  7. Buongiorno Angelo.
    Complimenti per il tutorial,
    ho un problema con le caustiche.
    provando a fare gli stessi passaggi del tutorial su un file nuovo, (ne tuo riesco senza problemi) nel quale ho inserito una piscina di mt 10x5 ho le caustiche concentrate ad un punto circolare nel mezzo della piscina (che coincide con lo 0,0,0 del programma) e non riesco a farle vedere in tutta la piscina.
    C'è un modo per ovviare a questa cosa e riprodurre le caustiche su tutta la piscina (ed eventualmente su altri specchi d'acqua lontani dal centro del disegno)??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per estendere l'effetto delle caustiche su tutto il fondale della tua piscina (molto più grande di quella usata da me in questo tutorial) devi aumentare Photon emit radius dal suo valore di default (127 cm) a valori più alti. Questo parametro si trova nelle opzioni del Tag VrayLight, nella scheda Sun light, subito dopo Filter color.

      Elimina
    2. Grazie mille Angelo.
      Risolto il problema!!

      Elimina
  8. Ciao Angelo. Grazie per tutto il lavoro che fai, sei un grande!
    Comunque ti volevo chiedere se puoi aiutarmi con questo problema: sto provando a fare il render di un progetto sul Tevere. Io utilizzo rhinoceros e quando importo il modello su cinema il layer del fiume non è un piano ma un poligono, anche se nel modello era una superficie. Non c'è un modo per convertire quell oggetto in un piano? Perche cosi come è non mi fa impostare i valori di suddivisione del piano. Grazie ancora

    RispondiElimina

 
© 2016 LUCYDREAMS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 13151341008 | Template Designed by Main-Blogger.