Il corso più completo, impegnativo e altamente qualificante del nostro circuito torna a MILANO, dal 16 gennaio al 31 marzo 2023! A partire da questa edizione, il Master Advanced Archviz è incentrato sull’apprendimento di Cinema 4D e Corona, ed è composto - non più da 10 ma - da 11 settimane di lezioni ed esercitazioni pratiche, che si svolgeranno tutti i lunedì, martedì e mercoledì dalle 9,00 alle 19,30.



Le idee per i contenuti che ho pubblicato in questi anni su questo blog sono arrivate quasi sempre da domande ricevute durante i nostri workshop dal vivo. La domanda che mi ha spinto a scrivere questo post è una delle più frequenti:

“Ho scaricato queste texture da textures.com, che messe insieme all’interno di un materiale dovrebbero portarmi a questo risultato… ma come si usano? Dove metto la texture Roughness? e la Normal? e l’Ambient Occlusion?

Textures.com è solo uno dei tanti siti web da cui potete scaricare (gratuitamente e a pagamento) eccellenti texture con cui creare materiali PBR complessi di ogni tipo con molta facilità (se si sa come come usarle).

Textures.com / home page

Da textures.com potete scaricare sia texture create tramite scansione 3d di superfici reali (quelle nella categoria 3d Scans), sia texture “artificiali” (nella categoria PBR Materials - PBR sta per Physically Based Rendering), create in modo procedurale con i programmi della suite Adobe Substance 3d (soprattutto con Substance Designer) che permettono di creare texture da zero sovrapponendo pattern parametrici e filtri di vario tipo ma anche partendo da fotografie e manipolandole con effetti e regolazioni.

Textures.com / le categorie PBR Materials e 3d Scans

Immaginate di dover creare in uno dei vostri render un muro di cemento, un pavimento in piastrelle o una parete in metallo sporco o arrugginito, un tessuto ricamato, o un qualsiasi altro materiale complesso che non riuscireste a creare con le risorse o con le competenze che avete in questo momento.

Una soluzione può essere quella di collegarsi a textures.com e iniziare a cercare nelle due categorie di prima. La libreria di textures.com è talmente grande che molto probabilmente troverete un’immagine (se non identica) molto simile al materiale che vi serve.



Cliccando su quell’immagine si aprirà una schermata in cui potete vedere l’effetto finale su una superficie o su una sfera e scaricare, scorrendo la pagina verso il basso, tutte le texture che servono a creare quel materiale PBR.



In questo post vi farò vedere come usare queste texture nei Physical Material di Corona per Cinema 4D, ma una volta afferrati i princìpi riuscirete a fare la stessa cosa anche se usate altri programmi e altri motori di render.


Corso di Cinema 4D e Corona Renderer a Roma

Da oggi sono aperte le iscrizioni al nostro prossimo corso dal vivo di CINEMA 4D + CORONA che si svolgerà dal 23 al 28 maggio 2022 a ROMA! Se sei interessato a partecipare continua a leggere questo post, altrimenti visita il sito web https://www.corona-workshop.com o scrivi una mail a info@angeloferretti.com.
Corso di Cinema 4D e Corona Renderer a Roma

Da oggi sono aperte le iscrizioni al nostro prossimo corso dal vivo di CINEMA 4D + CORONA che si svolgerà dal 14 al 19 marzo 2022 a ROMA! Se sei interessato a partecipare continua a leggere questo post, altrimenti visita il sito web https://www.corona-workshop.com o scrivimi una mail a info@angeloferretti.com.


La release 7 di Corona Renderer per Cinema 4D, disponibile dal 4 agosto 2021, ha introdotto piccole e grandi novità rispetto alle versioni precedenti, portando con sé molti miglioramenti e qualche cambiamento.

Oltre a un importante incremento di velocità nel rendering e ai vari aggiornamenti agli strumenti già esistenti, una delle novità più importanti è senza dubbio l’introduzione del nuovo Corona Physical Material, che - se usato nel modo giusto - permette di raggiungere un realismo senza precedenti.



Se siete abituati ad usare il materiale “classico” di Corona (che a partire da questa versione è stato ribattezzato in Legacy Material) e avete una buona confidenza con le impostazioni contenute nei layer Diffuse, Bump, Reflection e Refraction, potreste avere qualche difficoltà nel capire come funziona un Physical Material, soprattutto perché il suo pannello di controllo è organizzato in modo differente e i vari effetti (colore, riflessione, bump) si gestiscono in modo leggermente diverso.

In questo post troverete tutte le informazioni utili a capire come ottenere il massimo dal nuovo Corona Physical Material, qualche info aggiuntiva sulle novità più interessanti introdotte nella versione 7 di Corona Renderer per Cinema 4D e tanto altro.



Da oggi sono aperte le iscrizioni al nostro prossimo corso dal vivo di CINEMA 4D + CORONA RENDERER che si svolgerà dal 13 al 18 dicembre 2021 a ROMA! Se sei interessato a partecipare visita il sito web https://www.corona-workshop.com o scrivimi una mail a info@angeloferretti.com.
corsi online cinema4d corona

Da oggi tutta la nostra squadra è disponibile per lezioni online individuali o a piccoli gruppi, anche personalizzate sulla base delle tue necessità. Le lezioni si svolgono tramite videochiamata e condivisione schermo, in cui potrai imparare (comodamente e da casa tua) tutto ciò che normalmente illustriamo durante i nostri corsi dal vivo.


Questa domanda è senza dubbio una delle più discusse nei forum dedicati alla grafica 3D e nei gruppi Facebook. Soprattutto se vi state avvicinando a questo mondo per diventare dei professionisti e volete iniziare con il piede giusto, dovrete scegliere se iniziare con un motore di render piuttosto che un altro, e i due motori più popolari del momento sono proprio V-Ray e Corona. In questo post troverete la mia risposta alla famosa domanda: meglio V-Ray o Corona?



Le iscrizioni al Master Advanced Archviz 2019 (Master in CINEMA 4D + V-RAYforC4D in architettura e design - settima edizione) sono aperte! Il corso più completo, impegnativo e altamente qualificante del nostro circuito, che parte dalle basi e mira a formare professionisti della Computer Grafica 3D dedicata all’architettura, si svolgerà anche quest'anno a ROMA, nella splendida cornice della Garbatella.

Un'avventura lunga 10 settimane, dal 30 settembre al 13 dicembre, con incontri trisettimanali (lunedì, martedì e mercoledì) e orari 9,00-19,30. Nel programma sono inclusi: modellazione (base e avanzata con Cinema 4D e Marvelous Designer), rendering (base e avanzato con V-Ray), post-produzione dell’immagine (con Photoshop e AfterEffects), animazione (con Cinema 4D e AfterEffects), montaggio e post-produzione video (con AfterEffects), approfondimenti di interior design, styling, composizione dell'immagine, fotografia, teoria del colore, storytelling, e molto altro.

Novità di quest'anno: nuovi approfondimenti di interior design curati da Sabrina Coletta (stylist e interior designer) e più spazio alle tecniche di post-produzione con il contributo di Giovanni Savelli (fotografo, CGI Retoucher e insegnante di Photoshop). Come ogni anno, l'autore del progetto migliore vince una collaborazione retribuita di un anno con il nostro team di lavoro.



Da oggi sono aperte le iscrizioni al nostro primo corso di CINEMA 4D + CORONA RENDERER! Il corso si svolgerà a MILANO dal 24 al 29 giugno 2019, presso Impact HUB Milano in via Aosta.

Continua a leggere e scopri di più su questo workshop!

Se desideri partecipare a questo workshop può interessarti sapere che è in arrivo una nuova edizione! Per tutte le info sul workshop continua a leggere questa pagina oppure visita il sito web: https://www.corona-workshop.com




Vi è mai capitato di rimanere a bocca aperta davanti ad un render che raffigura un oggetto metallico con i bordi danneggiati o un legno usurato negli spigoli? A me sì, specialmente se penso che si tratta di computer grafica 3D, la riproduzione virtuale di un effetto reale.

Quando ho visto per la prima volta questi effetti ho pensato che per ottenerli fosse necessario stendere i poligoni dell’oggetto 3D con gli strumenti per l’unwrap di Cinema 4D, creare una mappatura UVW delle erosioni, per poi inserirla in un materiale che simulasse allo stesso tempo i due materiali, quello principale e quello visibile negli spigoli... insomma una roba non proprio semplicissima.


Con lo shader Curvature potete posizionare un materiale solo sugli spigoli di un oggetto e ottenere effetti come questi.

E invece questo effetto è relativamente semplice da ottenere, incrociando una funzione non troppo conosciuta di Cinema 4D che si chiama Mixa Texture e uno shader speciale di V-Ray chiamato “Curvature”.



Questo tutorial ha l’obiettivo di dimostrarvi che utilizzare V-Ray per Cinema 4D è più semplice di quanto si possa pensare. Già, perché se Cinema 4D è conosciuto come uno dei software più intuitivi e amichevoli al mondo, per la sua interfaccia semplice e la facilità d’uso, V-Ray al contrario non è famoso per essere semplice da usare, ma vi assicuro che si è guadagnato questa fama ingiustamente.

Colpa forse dello spessore dei libri che gli sono stati dedicati, della quantità di capitoli del manuale utente o della enorme quantità di informazioni e di tutorial spesso contraddittori presenti in forma gratuita su internet. Fatto sta che rimane il motore di render più usato nel mondo dell'architettura, e se lo è ci sarà un motivo!

Per imparare a sfruttarlo al massimo delle sue possibilità è necessario un po’ di allenamento, ma per capirne il funzionamento e padroneggiarlo basta comprendere il significato dei 3 componenti principali del motore (Antialiasing, Color Mapping e GI) e portare a termine qualche esercizio pratico.
 
© 2022 LUCYDREAMS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 13151341008 | Template Designed by Main-Blogger.