10 step per realizzare al meglio il proprio portfolio

3 commenti:
 
cop
Ho da poco rivoluzionato l'aspetto del mio portfolio online, e il risultato è anche merito di questo sito smashingmagazine.com nel quale ho trovato un articolo estremamente interessante (in realtà ne ho trovati più di uno) che mi hanno aiutato a realizzare quello che ora è il mio sito web.

Ho deciso quindi di tradurre l'articolo originale (che trovate a questo link) e pubblicarlo. Per chi come me ama la grafica in genere, vi consiglio di visitare anche il resto del sito che per me è una miniera di consigli utili. Veniamo all'articolo di Lee Munroe.


“Ognuno di noi dovrebbe avere il proprio portfolio online per una serie di motivi.

Se sei un freelancer, allora avrai bisogno di un portfolio per mostrare il tuo lavoro, e permettere ai tuoi visitatori/potenziali clienti di contattarti. Se sei uno studente, o semplicemente un disoccupato in cerca di lavoro dovrai mostrare ai tuoi futuri clienti quello che sai fare, le tue abilità, in modo da catturare la loro attenzione e trovare un’occasione di lavoro. Se fai parte di uno studio, allora potrai usare il tuo portfolio come un blog, condividere con la comunità del web i tuoi punti di vista, creare un tuo spazio personale nel mondo del web.

Un portfolio non è altro che un modo per pubblicizzarsi. Ognuno di noi è un marchio e quel marchio è rappresentato dal proprio nome. Nessuno saprà che esistiamo a meno che non usciamo fuori dal guscio. E se sei un grafico, web designer, programmatore, scrittore, artista o fai qualsiasi altro tipo di lavoro che abbia a che fare con la creatività, allora è fondamentale avere un buon portfolio on line.

COSA SERVE PER CREARE UN BUON PORTFOLIO?

1. Un LOGO


Generalmente il LOGO è la prima cosa che appare agli occhi di un visitatore. Nel mondo Occidentale scriviamo da destra verso sinistra, dall’alto verso il basso, quindi è sensato posizionare il LOGO in alto a sinistra, in modo da renderlo immediatamente visibile ai visitatori, che capiranno subito chi è il proprietario del portfolio.



Non è necessario che il LOGO contenga il proprio nome, ma se stiamo cercando di pubblicizzarci online, allora usare il proprio nome non è una cattiva idea.
Inserire sempre un link alla home page sul LOGO è fondamentale, ed è ciò che qualsiasi visitatore si aspetta in un sito web.


2. Una Tag Line


Una volta che i visitatori hanno visto chi sei, vogliono sapere che cosa fai.



La tag-line è una frase generalmente breve e sintetica, in cui descrivi il tuo lavoro, quello che offri ai tuoi clienti, quello che fai. Per scrivere una buona tag-line potremmo chiederci:
  • CHI SONO? Un designer, uno scrittore, un architetto, un grafico…
  • COSA FACCIO? Progetto siti web, programmo videogiochi, dipingo paesaggi…
  • DA DOVE VENGO? In che stato vivo, in che città…
  • SONO UN FREELANCER, LAVORO PER UNO STUDIO O STO CERCANDO LAVORO?


3. Un Buon Portfolio


Dopotutto è sempre un portfolio online, quindi la raccolta dei tuoi lavori determinerà se il sito è interessante o no. Per giudicarti la gente vorrà vedere i tuoi ultimi lavori, e in genere sapere anche cosa hai fatto nel tuo passato.



In funzione della tua attività, il tuo portfolio potrà contenere immagini ad alta risoluzione, facilmente visualizzabili dai visitatori. Se sei un web designer, allora includi sempre sullo screenshot un link alla versione online del sito che hai disegnato, e questa è un’altra cosa che un visitatore si aspetta.

Aggiungi una breve descrizione per ogni progetto, e le abilità o i software che hai dovuto utilizzare per portarlo a termine. Non è una cattiva idea includere commenti scritti dai tuoi clienti, e inoltre i visitatori potrebbero essere interessati a vedere tutto il work in progress che ti ha portato alla conclusione del progetto.


4. I tuoi Servizi


La tua tag-line da un assaggio di quello che fai, ma può non bastare.
Non puoi pretendere che i tuoi potenziali clienti si facciano un’idea di quello che fai solo guardando il tuo portfolio. Un tuo potenziale cliente potrebbe voler sapere in particolare quale tipo di servizio puoi offrire e quale invece no. E allora accontentali, esponi in maniera limpida i tuoi servizi:



Può essere utile dividere i servizi in categorie, ad esempio dividere grafica stampata da grafica per web.

5. Una “about me” page


Qui metti tutto ciò che ti riguarda, togliti la maschera e lascia che i visitatori sappiano chi sei.
Condividi la tua esperienza, da dove vieni, da quanto tempo sei nel mondo del lavoro, etc.
Più dettagli darai e maggiore sarà la possibilità che i visitatori trovino qualcosa in comune con te e che ti diano fiducia.



Se non sei timido, includi anche una tua foto. Potrai tranquillizzare i tuoi clienti e metterli in condizioni di visualizzare la persona che stanno per contattare o con cui stanno per collaborare, e questo ispirerà maggiore fiducia.
Non avere paura di vantarti dei premi e dei riconoscimenti ricevuti. La gente vuole sapere cosa fai, ma soprattutto che sei bravo a farlo.

6. Una pagina dei contatti


La pagina dei contatti è una delle parti più importanti di un sito web, ma spesso emarginata o nascosta, o addirittura dimenticata.

Un potenziale cliente ha visitato il tuo sito, è rimasto impressionato dal tuo portfolio, e sa anche qualcosa in più di te.
Ora vuole darti un lavoro. I tuoi recapiti dovrebbero essere chiari e di facile accessibilità. Non nasconderli a fondo pagina, lascia che la gente possa contattarti per offrirti un lavoro, per un saluto o per chattare con te.



Usa una form, per offrire ai visitatori un modo immediato di contattarti (in modo che non debbano necessariamente copiare il tuo indirizzo email, aprire il proprio client di posta, incollarlo nel campo del destinatario, eccetera). Un form inoltre ti permette di chiedere a chi ti scrive determinate info, come nome, indirizzo email, sito web, e altri dettagli.

7. Scrivi un Blog


Tenere un blog è sempre una buona idea. Scrivi articoli che riguardano il tuo lavoro, condividi le tue conoscenze, fai capire che sai di cosa stai parlando. Ti aiuterà a pubblicizzarti ed eviterà al tuo sito di rimanere identico per anni.



Permetti ai visitatori di seguirti tramite un Feed RSS e mostra ai nuovi lettori i post più popolari del tuo blog. Dai sempre la possibilità ai visitatori di commentare i tuoi post. Non obbligare gli utenti a registrarsi per lasciare un commento, e non proteggere eccessivamente i commenti con filtri antispam, che rendono il tutto più difficile e fanno passare la voglia agli utenti di lasciare un commento. Esistono diversi plugin antispam che non richiedono agli utenti troppo lavoro.

8. Inserisci dei “Call to action”


Chiedi a te stesso cosa vuoi ottenere pubblicando il tuo portfolio online. Vuoi trovare lavoro, o aggregare un grande numero di lettori, o semplicemente far sapere alla gente chi sei?



Ogni pagina dovrebbe avere un richiamo ad un azione (appunto un “call to action”) una sorta di invito al “next step”, ed è buona norma farlo attraverso un pulsante, chiaro e che risalta rispetto a tutto il resto della pagina. Inserisci sul pulsante un link al tuo portfolio, alla tua pagina dei contatti, o al tuo blog, usando un linguaggio appropriato (“vai al portfolio”, “contattami”, “richiedi un preventivo”).

9. Sfrutta i social network


Ora che la gente è attratta da te e dal tuo lavoro, invogliali a seguirti sui principali social network come facebook, twitter, flickr o myspace.



10. Linguaggio e comunicazione


Le parole che usi sono importanti, e ricorda che questo è il tuo portfolio personale, quindi usa un linguaggio personale. Non hai bisogno di apparire come una società o un professionista privo di emozioni. Esprimiti con un linguaggio amichevole e rilassato, ma anche chiaro e preciso.

Una volta scritto il testo da inserire nel tuo sito, rileggilo e prova a tagliarlo in due parti.

Altri suggerimenti:
  • Lascia che la gente sappia da dove vieni. È sempre interessante sapere di dove sei, e alcuni clienti preferiscono lavorare con persone che vivono nella stessa città, o almeno nelle vicinanze.
  • L’approvazione del W3C è importante, specialmente se sei un web designer. Se stai per costruire siti web ai tuoi clienti, fai in modo che almeno il tuo sia approvato dal W3C
  • Inserisci i link sulle immagini, non solo sul testo. Molte persone cliccano sulle immagini perché si aspettano che portino in qualche altra pagina del sito.
  • Se non hai ancora lavorato per dei clienti importanti, crea un template per wordpress o blogger, disegna un set di icone o un tema per twitter. Hai una serie di possibilità, e c’è una grande differenza nell’avere anche solo un lavoro nella propria raccolta e non averne affatto.”

3 commenti:

  1. Interessantissimo, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho dato una letta veloce...veramente interessante!!!

      Ma da non esperta di creazione di siti web c'è un programma o sito per creare un portfolio su web???

      Elimina
    2. Sì, prova su dunked.com!

      Elimina

 
© 2016 LUCYDREAMS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 13151341008 | Template Designed by Main-Blogger.