Illuminare un interno con VrayforC4D 1.2 (parte 3)

11 commenti:
 
36

Per realizzare una versione notturna della stessa scena, basterà modificare una sola opzione e aggiungere due luci area e una di tipo SPOT.


Nel pannello di controllo di VrayBridge, andate nel tab Enviroment, dove inizialmente abbiamo caricato nel canale della Texture lo shader “Colore”.

Cliccate sul rettangolo bianco e impostate un colore blu molto scuro, vicino al nero, e impostate il valore del Multiplier da a 2:

image

In questo modo la luce emessa dalla sfera celeste non sarà bianca ma più simile a quella prodotta da un cielo notturno.
Nello stesso modo di prima, aggiungiamo due luci area, identiche come impostazioni, ma differenti come dimensioni e posizione: le metteremo nelle due fessure laterali del soffitto, sopra le tende.

Le dimensioni di queste due luci potrebbero richiedere un'intensità diversa per illuminare in modo efficace la stanza, quindi fate qualche prova aumentando o diminuendo il valore “Intensity units”.

image

Proviamo a lanciare un render:

image

Ora aggiungiamo l'ultima luce, che inseriremo nella lampada al centro della stanza.
Dal menu principale clicchiamo su “Oggetti > Scena > Luce”:

image

Di nuovo, aiutandovi con le viste dall'alto e di profilo, posizionate la luce all'interno del bulbo metallico della lampada:

image

Applicate alla luce il tag “VrayLight”:

image

Tutte le opzioni che ci servono si trovano nella scheda “Common”:

image

Intensity regola l'intensità della luce, nel nostro caso potrebbe andar bene un valore pari a 2;

Light color determina il colore, che potete impostare come preferite (anche se di solito un giallo tendente all'arancione è il colore più adatto per le luci artificiali interne);

Enable shadows è l'opzione che attiva le ombre, e in genere dovrebbe essere sempre selezionata;

Shadow radius determina la morbidezza dei contorni delle ombre: sempre nel nostro caso, 1.5 cm potrebbe dare un buon risultato;

Shadow subdivision è il parametro attraverso il quale possiamo diminuire la quantità di disturbo sulle superfici illuminate: (come al solito) portare il valore da 8 a 16 o 24, significa avere effetti molto puliti, ma tempi di calcolo più lunghi.

Questi sono i valori che ho impostato io:

image

Ed ecco il risultato:

image



CORSI IN PARTENZA

ARCHVIZ 6DAYS Full-immersion
Corso di Cinema 4D + Vray per l'architettura e il design
BOLOGNA - DAL 23 AL 28 MAGGIO 2016
ARCHVIZ 6DAYS Full-immersion
Corso di Cinema 4D + Vray per l'architettura e il design
TORINO - DAL 06 ALL'11 GIUGNO 2016
ARCHVIZ 6DAYS Full-immersion
Corso di Cinema 4D + Vray per l'architettura e il design
VERONA - DAL 20 AL 25 GIUGNO 2016


11 commenti:

  1. Very nice! Thanks!

    RispondiElimina
  2. Sei un grande!! Aspetto altre guide

    RispondiElimina
  3. Grande!!!! Un immenso grazie!

    RispondiElimina
  4. iniziare il commento con un ringraziamento enorme mi pare doveroso.

    ho due domande.
    1-perchè nel tutorial hai messo prima le luci e poi i materiali? è questa la maniera corretta di procedere, anche se i materiali si mangiano la luce?
    2-per fare una scena seguendo il tuo tutorial (stessa procedura, stesse impostazione di render, file diverso) i valori dell'enviroment multiplier che uso sono molto molto più grandi come ordine di grandezza dei tuoi (diurno metti mi viene bene con 500!). dov'è che sbaglio?

    MArco

    RispondiElimina
  5. 1.Di solito si procede così, perché la luce ti aiuta anche a capire se ci sono piccoli difetti di modellazione, o problemi con le normali dei poligoni, o superfici sovrapposte.
    2.Per caso stai usando una PhysicalCamera? io in questo esempio non la uso, ma se tu la stai usando i valori sia delle luci che dell'environment dovrai alzarli perché di default la PhyCam ti applica un numero di otturatori (F-stop) pari a 8. Controlla anche che i parametri di rendering di Vraybridge siano impostati correttamente, o meglio che siano impostati come li ho impostati io in questa scena (li puoi vedere nella prima parte.
    Fammi sapere
    Angelo

    RispondiElimina
  6. Salve, complimenti innanzi tutto del tutorial, è davvero utilissimo e ben fatto!
    Una piccola curiosità: la luce della lampada Castiglioni, riflessa sul pavimento non si dovrebbe visualizzare? Dipende dal settaggio della luce o dal settaggio del materiale-pavimento?

    Grazie mille

    RispondiElimina
  7. Grazie dei complimenti! La luce non viene visualizzata nelle riflessioni, a meno che non ci sia un oggetto fisico da riflettere, in questo caso è possibile vedere la sorgente aggiungendo un modello di una lampadina all'interno della lampada e applicandogli un materiale autoilluminato.
    Angelo

    RispondiElimina
  8. A me è stato mooolto utile.. Grazie mille..

    RispondiElimina
  9. Grande e complimenti davvero sto imparando molto dai tuoi tutorial!!!

    RispondiElimina
  10. I miei complimenti. Ho eseguito tutti i tuoi tutorial e ho fatto un notevole passo in avanti. Una curiosità.....utilizzando il motore vray, i materiali usati in precedenza non vanno più bene. Giusto? C'è modo di "trasformarli" e poi di aggiornarli o li devo creare da capo?
    Grazie mille e ancora complimenti

    RispondiElimina
  11. Una volta aperta la scena, vai dal menu principale su "Plugin > VrayBridge > Vray Material Converter". Tutti i materiali di C4D vengono convertiti in materiali Vray e viene aggiornata anche l'applicazione agli oggetti. La conversione non è sempre perfetta, spesso devi intervenire nei materiali per correggerli, però ti fa risparmiare un po' di tempo.
    Angelo

    RispondiElimina

 
© 2016 LUCYDREAMS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 13151341008 | Template Designed by Main-Blogger.