Luci IES Vray for C4D: cosa sono, come usarle

35 commenti:
 
cover

L’effetto che vedete nell’immagine qui sopra è generato da un particolare tipo di file in formato *.IES che, se inserito all’interno dei parametri di una luce di Vray, riesce a riprodurre fedelmente l’illuminazione creata da un corpo illuminante. Di solito i file IES possono essere scaricati dai siti di produttori di lampade e faretti, che mettono a disposizione questi file associandoli al tipo di lampada prodotta.

Usando questi file è possibile quindi simulare molto realisticamente l’aspetto della luce emessa da quel corpo, e di conseguenza ottenere una resa finale migliore e più “onesta”.

Vediamo come usare questo tipo di file con Cinema4D e Vray.
La versione di Cinema che uso durante questo tutorial è la 13, e dato che l’interfaccia è leggermente diversa dalle versioni precedenti, se avete problemi a trovare i comandi lasciate pure un commento al post.


Per prima cosa dobbiamo creare una luce: dal menu principale clicchiamo su Crea > Luce > Luce:

01

Per apprezzare al meglio l’effetto dell’IES dobbiamo posizionare la luce in prossimità di una parete, e possiamo farlo trascinandola tramite gli assi. Il fascio di luce esce dall’asse BLU, quindi se vogliamo che la luce proietti le curve sulla parete dovremo girarla con l’asse blu rivolto verso il basso, o comunque parallelo alla parete:

02

A questo punto avviciniamola il più possibile al modello della sorgente luminosa, facendo attenzione a non nasconderla ad esempio dentro la lampadina, altrimenti rischiamo di non vedere più l’effetto della luce.

Ora applichiamo alla luce il tag di Vray, cliccandoci su con il tasto destro (nella finestra degli oggetti) e selezionando VrayBridge Tag > VrayLight:

03

Nella finestra degli attributi compariranno come di consueto le opzioni del tag.
Spostiamoci direttamente nel tab IES Light:

04

Attiviamo le opzioni del pannello cliccando su “On”:

05

Subito dopo aver cliccato su On vedrete apparire un riquadro da cui potremo gestire l’anteprima delle curve.
Ora dobbiamo selezionare un file .*IES e inserirlo nel campo “IES file” cliccando sul pulsante con i tre puntini
(se non avete nessun IES, provate a cercare su Google “IES free download”):

06

Se tutto è andato a buon fine, dovreste già vedere nel riquadro dell’anteprima “Ies Preview” il fascio luminoso.

Attenzione però: poiché il funzionamento dell’IES è legato alla scala del modello e alle unità di misura che usate, arrivati a questo punto potreste avere problemi a visualizzare le curve, come è successo a me le prime volte. Se non vedete niente, ma allo stesso tempo non volete toccare i parametri del progetto (unità di misura, scala, etc.), aumentate il valore di “Power (lumens)”, l’opzione subito sotto al campo in cui avete inserito il file IES, anche salendo a 15000 o 20000, una volta che la vedrete apparire nel riquadro dell’anteprima allora potrete regolarne meglio le opzioni.

Cliccate su “Front Preview” per avere un anteprima laterale delle curve:

07

Aumentando il valore di “Light distance from the wall” possiamo allontanare la luce dalla parete ipotetica che ci viene mostrata nell’anteprima, e tramite “Camera distance from the wall” decidere se inquadrare tutta la curva o avvicinarci per controllare i particolari:

08

Con “Filter color” posiamo modificare il colore del fascio luminoso e con “Power (lumens)” modificare la sua intensità:

09

L’ultima operazione da fare è attivare le ombre. Nella finestra degli attributi, spostiamoci sulla scheda “Common” e clicchiamo su “Enable shadows”:

10

Ecco il risultato:

11




35 commenti:

  1. molto ben fatto !!

    RispondiElimina
  2. da quando l'ho trovato questo sito è diventato la mia bibbia :)
    tnx 4 sharing
    Simona

    RispondiElimina
  3. ciao volevo sapere per aumentre l'intensità della luce e ombre come posso fare? perche se aumento ilPower (lumens) poi mi sparisce dall'anteprima

    RispondiElimina
  4. Prova ad aumentare il valore finche l'anteprima non ricompare, e fammi sapere se hai risolto.
    Angelo

    RispondiElimina
  5. grazie del consiglio,tutto risolto

    RispondiElimina
  6. ciao sono tony
    ma le luci ies e utile utilizzarle anche al centro di una stanza o solo su pareti?

    RispondiElimina
  7. L'effetto più efficace è di sicuro quello creato dalle curve sulle pareti, per illuminare un'ambiente di solito è meglio usare luci area oppure di tipo omni.
    Angelo

    RispondiElimina
  8. Ciao , da quando ho inserito le luci ies per un render mi porta via anche 24ore...c'è un modo per ridurre i tempi o dipende dal mio pc?

    RispondiElimina
  9. 24 ore mi sembra molto strano, che computer stai usando?

    RispondiElimina
  10. è una Workstation della Fujitsu

    RispondiElimina
  11. E' possibile che ci sia qualche parametro sbagliato, o qualche suddivisione troppo alta... prova cancellare la luce e rilanciare il rendering per assicurarti che sia lei la causa delle 24 ore, a quel punto prova a ricrearla da zero seguendo tutti i passaggi e lasciando gli altri parametri di default...
    fammi sapere se hai risolto.
    Angelo

    RispondiElimina
  12. ciao ho un problema! anche con i valori minimi l'intensità della luce viene troppo alta e il render mi viene quasi completamente bianco! ho risolto mettendo il colore (1,1,1), mi da un risultato soddisfacente, ma vorrei chiedere un'altro modo per risolvere il problema! grazie e complimenti per il sito!

    RispondiElimina
  13. Stai usando una PhysicalCamera? potresti avere dei valori che ti creano la sovraesposizione generale... potrebbe essere anche il file ies che magari è danneggiato o anomalo, oppure potrebbero essere le unità di misura del modello (troppo piccole)... hai provato a lasciare i lumens a zero?
    Angelo

    RispondiElimina
  14. ciao, ho bisogno di creare un'illuminazione all'interno di una stanza per far si che dall'esterno sia visibile la stanza illuminata (devo creare l'effetto con i fori illuminati perché ho un rivestimento macroforato).. quale luce mi consigli di utilizzare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare sia IES che luci Omni, e per il microforato puoi usare un materiale con all'interno del material weight, una texture in bianco e nero che riproduca il microforato.

      Elimina
  15. Come faccio, invece, a diminuire il fascio di luce..?? mi sa che la scala del progetto è molto piccola e quindi la luce molto forte... Ho il problema contrario a quello che dicevi tu.. Come faccio ad abbassare il fascio di luce e quindi vedere la curva della luminosità..?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la scala del progetto è sbagliata ti conviene riportarla alle dimensioni giuste prima di procedere altrimenti continuerai ad avere problemi durante tutte le fasi del lavoro. Se la IES risulta troppo intensa, puoi risolvere diminuendo l'esposizione della physical camera, finché non ritorni a vedere le curve create dalla luce. Poi puoi ricalibrare tutte le altre eventuali luci all'interno della scena per ritornare all'esposizione globale corretta.

      Elimina
  16. Ciao,
    non capisco come mai anche variando la “Power (lumens)”, della luce ies non mi fa vedere l'anteprima e nel render si vede in pratica solo l'effetto della GI e non della luce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova ad alzarla a valori molto alti tipo 40000. Dovrebbe riapparire. Fammi sapere

      Elimina
    2. ho provato ma non cambia il risultato, è strano ho provaro a impostarla a 100 a 1000 fino a 100000 e così via ma non cambia.
      Ma p giusto che stia renderizzando senza usare una vray camera e che il mio modello di base sia un cubo di 1 m di lato con accanto la luce IES. In oltre penso sia giusto attivare la GI di vray o sbaglio ? Non capisco che parametro sto impostando male.
      Grazie mille!

      Elimina
    3. Potrebbe essere il file IES che non funziona correttamente (a volte succede), ma se inizialmente lo vedi nell'anteprima allora vuol dire che funziona. In quel caso, devi controllare l'orientamento della luce (l'asse blu deve essere orientato parallelamente alla superficie su cui vuoi proiettare la luce) e la distanza dalla superficie (deve essere abbastanza vicina da poter essere visualizzata sulla parete). La GI non c'entra, e neanche l'uso della PhysicalCamera. Fammi sapere se hai risolto.

      Elimina
    4. Perfetto! Grazie!! A quanto pare era proprio il filea non funzionare correttamanete e scaricandone uno (che tra l'altro mi sembra proprio quello utilizzato nel tutorial) vedo l'anteprima e funziona correttamente.
      L'unico dubbio che ho è come settare l'intensità, perchè appena modifico anche di un punto percentuale la potenza, mi sparisce l'effetto e quindi dovrei lasciare su 0.
      Anche modificando distance from the wall ecc non noto cambiamenti nel render.
      Sto renderizzando un interno nel quale entraanche la luce solare con in più delle luci puntuali e attivo GI per il phisical sun.
      Grazie ancora !

      Elimina
  17. "Distance from the wall" è un'opzione della preview dell'IES che viene visualizzata nelle opzioni della luce, ma non influisce sul render, serve solo a farti vedere un'anteprima dell'effetto in funzione della distanza dalla superficie. Mantenendo l'intensità a 0 la IES funziona prendendo un intensità di "default", mentre per modificarne l'intensità devi salire a valori molto alti (20000-50000), finché non ti ricompare nell'anteprima.

    RispondiElimina
  18. Grazie ho capito.
    Solo un'ultima cosa, se ho molte luci a soffitto oltre alla luce del sole che arriva da un lucernario mi conviene usarle tutte con i parametri IES o rallenta troppo i tempi di render? E per la "grana" (leggera) che vedo nel render devo aumentare molto i parametri di subdivision? Perchè la subdivision delle ombre delle luci, compreso il sole, è ha 32 e anche quelle di vari canali di specular dei layer.
    Grazie ancora e complimenti per il sito che è utilissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Usare tante luci IES non rallenta troppo i tempi di render, a meno che non siano davvero tante, tipo 200 o 300. Quindi puoi usarle anche insieme alla luce solare. La grana che vedi sull'immagine potrebbe derivare da molte cose e non solo dalle subdivision delle luci, per farti un'idea leggi questo articolo.

      Elimina
  19. Ciao Angelo, volevo farti una domanda magari banale: per creare invece l'effetto della lente illuminata che copre la lampadina come hai fatto? un materiale con canale luminosity?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per quegli effetti di solito uso un materiale autoilluminato.

      Elimina
  20. Ciao Angelo. Una domanda che mi assilla da tempo ma che per un motivo o un altro dimentico ovunque di fare: quando modelliamo un oggetto a che scala consigli di lavorare? 1:1, 1:100? E ancora: la dimensione del modello influisce sui tempi di render?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scala nella modellazione la scegli tu in base alle tue abitudini, l'importante è che il modello in ambiente C4D sia in scala reale, a prescindere dal fatto che le tue unità di misura nelle preferenze siano centimetri o millimetri o metri. La dimensione del modello influisce sui tempi di render nel senso che in genere se hai un modello essenziale (con pochi arredi e materiali semplici) il calcolo sarà chiaramente più facile e veloce, se invece il modello è di una città intera (con tanto di dettagli sulle facciate degli edifici, vetri, luci interne) avrai molti poligoni in più e quindi il calcolo dei rimbalzi di luce, delle riflessioni e dell'antialiasing sarà più faticoso e lento.

      Elimina
  21. Come inserire la potenza reale di una luce? Ciao Angelo, mi chiedevo, come inserisco la corretta potenza in lumen di un prodotto avendo la ies? Dal momento che devo spingere i valore della potenza molto alti 50000 10000... c'è un modo di convertire ad esempio 1000 lumen in un valore esatto e realistico? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quello che so, convertire Lumen in Watt è un'operazione non proprio affidabile perché misurano cose diverse: i Watt sono l'unità di misura della potenza, i Lumen sono l'unità di misura dell'emissione luminosa. Detto questo però, se cerchi su google trovi pagine come questa in cui puoi effettuare una conversione tra le due grandezze. Ad ogni modo, la potenza della luce sarà sempre visualizzata da una camera, che attraverso i controlli dell'esposizione può catturare più o meno luce e quindi far sembrare la sorgente più o meno potente.

      Elimina
    2. Grazie Angelo, io intendevo un altra cosa. Se io ho una lampada che emette 3000l umen, che valore inserisco 3000lumen x 1000= 3000000 lumen? Oppure non posso avere un riscontro realistico?

      Elimina
  22. Quello che puoi fare è basarti su un riferimento visivo di quella sorgente in azione: se hai una foto della lampada accesa che illustra bene il livello di potenza percepito dall'occhio umano, puoi fare dei test con diversi valori di Lumen e avvicinarti il più possibile al risultato del riferimento. Se invece per "riscontro realistico" intendi una simulazione illuminotecnica, non credo sia una buona idea usare Vray come un simulatore. Questo perché sul risultato finale del render influiscono molte variabili tra cui l'esposizione della camera, i materiali del contesto, il color mapping usato.

    RispondiElimina

 
© 2016 LUCYDREAMS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 13151341008 | Template Designed by Main-Blogger.